Il paese dei gatti

Recensioni, segnalazioni, osservatorii, racconti, suggerimenti

Perseo e Medusa

300px-Celliniperseo

Perseo e Medusa – Benvenuto Cellini

Mi ha sempre affascinato questa enigmatica statua. Non vedo un particolare rapporto che lega i due mitologici personaggi, se non la determinatissima intenzione dell’eroe di servirsi dei poteri terribili della Medusa. Non credo ci sia una volontà di sopraffazione, o un desiderio di liberare o di uccidere. Il volto di Perseo è pacatamente imperturbabile: gli serviva quella testa. Medusa è solo un mezzo, per raggiungere la bella Andromeda (lei sì, reale oggetto di attenzione, desiderio, intenzioni). Conta solo Andromeda, tutto il resto non ha importanza. Né esiste un reale interesse a “sconfiggere” il mostro. I suoi poteri, anzi, devono rimanere intatti (per essere poi utilizzati al proprio servizio). Una lucida logica utilitarista. Però.
Però, non è così semplice. Il vincitore può anche essere indifferente alla sorte del vinto. Ma non potrà sottrarsi alla legge universale: ciò che conquistiamo, diventa parte di noi. Che poi è la logica che sottende l’atto in sé della conquista. Inglobare l’oggetto conquistato. Tra popoli, assumerne gli usi e stravolgerli, utilizzare le infrastrutture, i territori, le donne. Tra persone, prendere possesso delle qualità dell’altro. In un certo senso, divenire l’altro. Come un soffio, uno spirito che passa da un corpo all’altro nel momento della vittoria. Ecco che Cellini scolpisce due volti sostanzialmente uguali. Quello di Medusa, quello di Perseo. Finanche i ricci dei capelli e i nodi dei serpenti sono uguali. Non può essere casuale. E c’è anche una doppia metamorfosi. Cellini stesso diventa Perseo. Ciò che creiamo diventa nostro, sarà legato a noi per sempre. Compare così il volto di Cellini stesso dietro l’elmo di Perseo. Un Giano bifronte. Improvvisamente le distinzioni perdono di senso. Diventiamo responsabili di ciò che conquistiamo, di ciò che creiamo. Siamo la stessa cosa, la stessa materia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13 ottobre 2010 da in Arte, Recensioni, Scrittori e artisti italiani con tag , , .

Sbircia nell’archivio dal 2009 ad oggi

Cerca i post pubblicati per data

ottobre: 2010
L M M G V S D
« Set   Nov »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Statistiche del Blog

  • 8,117 visite

Through the looking glass

"..and Alice began to remember that she was a Pawn, and that it would soon be time for her to move".

Seguimi su Twitter

Errore: Twitter non ha risposto. Aspetta qualche minuto e aggiorna la pagina.

Seguimi su Instagram

#Dedicato a tutti i condòmini e agli azionisti societari... #buonanotte da #TorPignatta autonoma e ribelle #poledance #polesport #Rome #workout 💪🏻💪🏻💪🏻💪🏻💪🏻🤸‍♂️🤸‍♀️ #madeinitaly #Rome #ladolcevita #summer #relax #instacat #gatti #summer #lungotevere #opera #lirica #Roma #summer17 Urban #sunset #Roma #summer
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: