Il paese dei gatti

Recensioni, segnalazioni, osservatorii, racconti, suggerimenti

#GiudicatiDallaCopertina gennaio 2016 15 novità in libreria

Uno dei piaceri di trovarsi nel quartiere Prati a Roma è visitare la storica libreria De Miranda, una vera e propria istituzione della zona. Proprio di fronte al tribunale civile, si presenta come una libreria giuridica: infatti la vetrina a destra dell’ingresso è dedicata al variegato e serissimo mondo del diritto per giuristi e commercialisti. Ma la vetrina a sinistra è la vera chicca. Le novità letterarie più rilevanti, anche di case editrici minori o una selezione di libri non troppo conosciuti ma particolari e interessanti, potete starne certi, saranno lì in bella esposizione. Ho già qualche nuova pubblicazione in mente? So che lì la troverò. E per tutto quello che ancora non conosco, so che ne verrò informata. E’ la vetrina per eccellenza che garantisce un pieno aggiornamento sul panorama editoriale italiano. Per me, un appuntamento fisso.

Trattandosi di novità, o riedizioni, ci si orienta tra pagine non conosciute, con il loro messaggio ancora intatto tra le righe, come bottiglie sigillate nel mare aperto. Io personalmente adoro spiluccare gli incipit dei romanzi, e le quarte di copertina. E’ vero che un libro non si giudica dalla copertina, ma è anche innegabile che uno degli sfizi della lettura è entrare in un primo contatto con il libro come oggetto in sé, sentirne il peso, la consistenza e spessore della carta, osservarne la rilegatura, la copertina, la fotografia o il disegno che ne porta, e, se c’è il risvolto, sbirciare come il libro è fatto sotto. Se è incellophanato? Subito si cerca con gli occhi il libraio per chiedere il permesso di s-cellofanarlo. Ogni lettore ha il proprio rito di approccio al libro. Per questa ragione, prendo sempre le dovute cautele prima di dire che un libro non si giudica dalla copertina: non è forse vero che dopo esserci orientati tra i libri di autori che già piacciono, o tra quelli di autori che sono stati consigliati o che per altre ragioni sospettiamo che piaceranno, o tra titoli che richiamano temi cari, subito dopo ci interessiamo di quei libri che visivamente catturano la nostra attenzione?

Ecco alcuni dei titoli che la scorsa settimana troneggiavano nella vetrina de #ilmiolibraio e che, riassumendo benissimo le novità del mese, subito mi hanno ispirato una candidatura nella già affollata wishlist:

  • Atlante degli alberghi remoti, di David De Vleeschauwer e Debbie Pappyn. Io amo i deserti, e la Siberia. La letteratura di viaggio, i quadri di Hopper, i non luoghi: perché non dovrei studiare a fondo questa promettente atlante?

img_4379

  • Sulla terra, di Tullio Pericoli. E’ il catalogo della omonima mostra che si è tenuta questo autunno a Bologna. Non mi stanco mai di guardare i suoi disegni. Figure stilizzate, con un non so che di infantile e ingenuo, delicato, ma anche etereo, leggero, fiabesco, surreale. Non resisterei a sfogliare e risfogliare questa raccolta di paesaggi.

img_4380

  • Il gigante sepolto, di Kazuo Ishiguro. Di questo scrittore ho letto
    Non lasciarmi, un romanzo potente, destabilizzante, struggente, disperato e definitivo. Mi piacerebbe leggere altri suoi libri. E come resistere ad un libro con una copertina così bella e un titolo così fiabesco?img_4381
  • Il bestiario, di Dino Buzzati. Questo cofanetto della Mondadori è bellissimo. Da collezione.img_4382
  • Moby Dick, di Herman Melville. Il libro non è nuovo, ma fa parte di quei classici che la Einaudi sta ripubblicando in nuove traduzioni. E questo titolo segue di poche settimane l’uscita nella sale del film Heart of the sea. Una copertina favolosa accompagna la nuova traduzione di Ottavio Fatica. Mi piacerebbe proprio rileggere l’antica balena bianca con parole nuove.
  • Cime abissali, di Aleksandr Zinov’ev. C’è un abisso, e c’è un russo che lo racconta. Quante probabilità ci sono che questo libro non mi piaccia? Credo pochissime.
  • Proust a Grjazovec, di Józef Czapski. Durante la guerra, i prigionieri resistono raccontandosi Proust. Una storia che vorrei ascoltare/leggere anche io.img_4392-1
  • La teologia del cinghiale, di Gesuino Némus. Voglio leggerlo e non so il perché.

img_4513

  • Noli me tangere, di Andrea Camilleri. Mia amata Yuriko, di Antonietta Pastore. Avevo già sentito parlare di entrambi ed ero certa di trovarli nella mia vetrina preferita. E infatti eccoli lì, uno accanto all’altro. Del primo, mi incuriosisce il titolo, un versetto del Vangelo per me tra i più enigmatici, e tra i più belli. Il secondo è il romanzo di esordio della traduttrice di molti dei libri di Haruki Murakami. È una lettura che mi incuriosisce molto.img_4587
  • Le avventure di un libraio, di Giuseppe Orioli. Saranno pagine in grado di calare il lettore in quella atmosfera che circonda chi con i libri ci lavora? Lo si può scoprire solo leggendo.img_4588
  • Notturno cileno, di Roberto Bolano. Bellissima la foto in copertina. Il titolo promette molto, la casa editrice garantisce altrettanto.img_4590
  • Vita degli elfi, di Muriel Barbery. Ho letto molti anni fa L’eleganza del riccio, e mi piacque molto. Viene naturale poi monitorare tutte le nuove pubblicazioni di un autore a cui si rimane affezionati.img_4591
  • Anima, di Natsume Soseki. Voglia di letteratura giapponese. Copertina irresistibile.img_4592
  • L’uomo che voleva essere Kafka, di Steve Stern. Kafka è un richiamo, che sia sotto processo, in viaggio verso il castello, o sulla spiaggia, chiama sempre. E questo libro non fa eccezione.img_4593

In occasione del seminario di perfezionamento della Scuola per librai, a Venezia, il sito Il Libraio lancia l’ashtag #ilmiolibraio. Io al mio libraio, anzi alle mie libraie, dedico questo post.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Sbircia nell’archivio dal 2009 ad oggi

Cerca i post pubblicati per data

gennaio: 2016
L M M G V S D
« Gen   Feb »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Statistiche del Blog

  • 8,079 visite

Through the looking glass

"..and Alice began to remember that she was a Pawn, and that it would soon be time for her to move".

Seguimi su Twitter

Seguimi su Instagram

#poledance #polesport #Rome #workout 💪🏻💪🏻💪🏻💪🏻💪🏻🤸‍♂️🤸‍♀️ #madeinitaly #Rome #ladolcevita #summer #relax #instacat #gatti #summer #lungotevere #opera #lirica #Roma #summer17 Urban #sunset #Roma #summer Me lo dite come si fa a lavorare in pace? #gatti #instacat #summerinthecity
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: