Il paese dei gatti

Recensioni, segnalazioni, osservatorii, racconti, suggerimenti

Al Chiostro del Bramante le dame di Tissot leggono un sacco

L’imperatrice Eugenia e il principe imperiale nel parco di Camdem Place

Si concluderà domenica 21 febbraio 2016 la mostra dedicata a James Tissot, e curata da Cyrille Sciama, la prima grande esposizione in Italia dedicata all’artista di Nantes. Amante dell’arte giapponese, paese dove ha anche viaggiato a lungo, attento e profondo conoscitore dei costumi e delle etichette sociali francesi e britanniche, Tissot ha composto dipinti e immagini unici, in un esercizio di realismo difficilmente comparabile. Gli stessi che Mondadori ha scelto per illustrare le copertine del cofanetto della Recherche di Proust.

La figlia del capitano

La figlia del capitano

E così, passeggiando tra le sale espositive, si è tentati di passare un dito sulla tela per distendere le pieghe del concretissimo tappeto ne L’imperatrice Eugenia e il principe imperiale nel parco di Camdem Place, o di seguire gli sguardi distanti (La figlia del capitano),

Le due sorelle

Le due sorelle

o enigmatici (Le due sorelle), o superbamente maliziosi (La lettura nel parco) delle fanciulle ritratte. Ma Tissot non si limita a catturare l’espressività dei suoi soggetti.

La lettura nel parco

La lettura nel parco

Una cura sorprendente è dedicata agli abiti, gli accessori, le acconciature dell’epoca, con un realismo che dà risalto persino alla diversa consistenza dei tessuti. La mostra dedica un particolare percorso tematico alla moda di quegli anni (seconda metà dell’800), per ricostruire la storia dei modelli nuovi, dei tessuti, delle abitudini, dei costumi di un mondo lontano, che ancora esercita un fascino insopprimibile per noi generazioni del ventunesimo secolo. Possiamo quindi ammirare i

La straniera. La viaggiatrice

La straniera. La viaggiatrice

nuovi modelli di taielleur femminili su La straniera. La viaggiatrice, o sorprendere il vezzo di una fanciulla di ripararsi con un ventaglio dallo sguardo insistente di un ragazzo (Il ponte dell’HMS Calcutta – Portsmouth), incantarci nello sguardo ipnotico di una giovane bellezza avvolta in nastri e tessuti (Al fiume).

Al fiume

 Se ci si avvicina alle opere, si può notare un sofisticato dettaglio del trucco in voga sulle donne: palpebre con colori naturali, rossetti sobri e talvolta lo sguardo sottolineato da un kajal scuro.

Il ponte dell’HMS Calcutta – Portsmouth

Tissot fotografa i suoi soggetti, letteralmente; tanto che in certi dipinti ritroviamo addirittura una sorta di messa a fuoco, dove certi rami fioriti sono ben definiti in primo piano, lasciando sfuocate le fronde in secondo piano (La primavera).

La primavera

La primavera

Giocare con i piani visuali diventa un modo per suggerire significati.

Catalogo Skira - La più bella donna di Parigi

Catalogo Skira – La più bella donna di Parigi

In La più bella donna di Parigi (sapientemente collocato al termine di un lungo corridoio ornato di tende a drappeggio), la figura femminile centrale è marcata da una donna più anziana e robusta di lineamenti, ma simile, che come uno spettro allude silenziosi moniti sul destino di ogni bellezza terrena. In La misteriosa, la signora che passeggia nel viale alberato è seguita da un uomo e, più a distanza, nel punto focale, da due monache che, misteriosamente, ne seguono i passi.

 L’esposizione è completata da opere di De Nittis, provenienti anche da collezioni private,

De Nittis – Ascoltando il piano. (Pensierosa)

che ha conosciuto e influito sull’arte di incisione di Tissot. Tra i tanti dipinti spicca Ascoltando il piano (Pensierosa), una donna bellissima intensamente assorta nella musica, e nei propri pensieri, o ricordi.

Si tratta di scene domestiche o sociali in cui tutti ci possiamo riconoscere, ma che forse oggi viviamo con meno frequenza. Quante volte ci è concesso abbandonarci al suono del pianoforte in un bel salotto arredato con cura? O organizzare un picnic al parco? Quante volte ci è concesso ormai immergerci con la mente in una cosa soltanto, abituati come siamo ormai a viaggiare+leggere+ascoltare musica, oppure studiare+chattare+sentire la tv accesa in sottofondo, o rispondere alle email+lavorare dallo smartphone+camminare velocemente verso l’ufficio, o fare sport+telefonare+guardare la tv? Calvino, in Se una notte d’inverno un viaggiatore, scriveva che

la dimensione del tempo è andata in frantumi, non possiamo vivere o pensare se non spezzoni di tempo che s’allontanano ognuno lungo una sua traiettoria e subito spariscono. La continuità del tempo possiamo ritrovarla solo nei romanzi di quell’epoca in cui il tempo non appariva più come fermo e non ancora come esploso, un’epoca che è durata su per giù cent’anni, e poi basta.

In questi cento anni sicuramente è compreso il periodo in cui Tissot dipingeva e fotografava la società, con i brunch, l’ora del tè, i balli, i concerti. Le dame di Tissot non vanno mai di fretta, sono assorte, o divertite, o malinconiche, e leggono, tutte. Ogni singolo dipinto include qualche libro impilato sul prato, o su un tavolino, le dame  sfogliano pagine, o tengono il segno con dita affusolate mentre guardano intensamente lo spettatore. Le dame di Tissot sono tutte lettrici.

IMG_5546

Nella sua produzione artistica, non mancano i temi religiosi, soprattutto dopo la morte della amata compagna Kathleen Newton, quando Tissot riprende e completa il magnifico ciclo del figliol prodigo, nella cui parabola l’artista si identifica a tal punto da ritrarre se stesso nel proprio viaggio in Giappone.

Nel paese straniero

In Nel paese straniero, le luci delle lanterne e della luna creano un gioco di ombre che esalta e sublima i preziosi drappeggi degli abiti, i decori, le pettinature, la carnagione delle esotiche danzatrici.

IMG_5562

Il catalogo è edito Skira.

Il piccolo Nemrod

Il piccolo Nemrod

Tra la tanta bellezza prodotta da Tissot, si distingue Il piccolo Nemrod, riferimento al guerriero biblico che ha domato gli animali selvatici. Si tratta di Cecile George, il figlio della compagna di Tissot, Kathleen, e la sorellina Violet, con altre due nipoti dell’artista. La scena di quotidiana serenità e svago familiare è dominata dalla tenerezza e innocenza dei giochi infantili, ma anche dalla grazia dei movimenti e dal magnetico malizioso e ferino sguardo della bimba che da sotto la pelle di tigre scruta lo spettatore. Il gioco infantile della ragazzina si traduce così in una posa che richiama un altro dipinto, di Domenico Morelli, Le tentazioni di Sant’Antantonio (alla Galleria Nazionale di Arte Moderna a Roma), che quattro anni prima (nel 1878) fu presentato alla Esposizione Universale di Parigi, e che forse Tissot vide. Morelli rappresenta il diavolo, che, emergendo da sotto la stuola dove il Santo si coricava, “assumeva anche l’aspetto di una donna e ne imitava il comportamento in tutte le maniere, con il solo intento di sedurre Antonio” (lettera di S. Atanasio di Alessandria sulla Vita di Sant’Antonio, 5.5). E forse non è un caso che la bambina di Tissot sia ricoperta da una pelle di tigre, dal momento che anche i demoni di Sant’Antonio “squarciando le quattro pareti della casetta, parevano entrare attraverso di esse sotto forma di belve e serpenti, leoni, orsi, leopardi, tori, scorpioni e lupi” (9.5 a 9.6). A voler suggerire forse una innocenza infantile, che però non si fa mera preda sottomessa, ma portatrice di un naturale fascino fatale.

Morelli - Le tentazioni di Sant'Antonio

Morelli – Le tentazioni di Sant’Antonio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Sbircia nell’archivio dal 2009 ad oggi

Cerca i post pubblicati per data

febbraio: 2016
L M M G V S D
« Gen   Mar »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
29  

Statistiche del Blog

  • 8,059 visite

Through the looking glass

"..and Alice began to remember that she was a Pawn, and that it would soon be time for her to move".

Leggi gli articoli e le pagine più cliccati

Seguimi su Twitter

Seguimi su Instagram

#poledance #polesport #Rome #workout 💪🏻💪🏻💪🏻💪🏻💪🏻🤸‍♂️🤸‍♀️ #madeinitaly #Rome #ladolcevita #summer #relax #instacat #gatti #summer #lungotevere #opera #lirica #Roma #summer17 Urban #sunset #Roma #summer Me lo dite come si fa a lavorare in pace? #gatti #instacat #summerinthecity
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: