Il paese dei gatti

Recensioni, segnalazioni, osservatorii, racconti, suggerimenti

#recensione Gli uccelli notturni, di Tormod Haugen

IMG_3761Ho letto questo libro da bambina, nel 1989. Mi appassionava la collana Gli Istrici della Salani Editore, che la biblioteca comunale del mio quartiere esponeva, completa, su uno scaffale della sezione ragazzi.

Sono tornata in quella biblioteca lo scorso dicembre, e ho subito adocchiato la collana, integrata delle pubblicazioni successive, con le stesse copie che sfogliavo allora. Ho riletto Gli uccelli notturni, di cui non ricordavo nulla se non l’incipit e la conclusione, cioè che il bambino protagonista saliva le scale immaginando terribili mostri nascosti dietro le porte dei vicini di casa, invece una di loro, presunta strega, alla fine si rivelava buona e premurosa.

La rilettura in età adulta ha rivelato l’Autore norvegese sotto un profilo inedito: Haugen, scomparso nel 2008 alla età di 63 anni, poco presente sugli scaffali delle librerie di oggi, ma, dotato di rara sensibilità e profondo spirito di osservazione, si impone tra gli Autori più poetici degli ultimi decenni, particolarmente attento ai temi della infanzia e dei più giovani.

Tormod Haugen

Il linguaggio è semplice ed elementare, ma si capisce subito che non è per farsi capire dai bambini lettori, bensì dagli adulti. Per svelare a loro quel mondo dell’infanzia, lasciato ormai alle spalle, con i timori e le angosce che lo affollano, il difficile confronto con gli adulti e anche con i coetanei. 

Nelle prime pagine seguiamo i passi di un bambino che rientra a casa da scuola, e non vi trova nessuno. Insieme a lui attendiamo fino a sera tardi che i genitori tornino a casa dai rispettivi lavori. Ma quando la madre rincasa, apprendiamo subito che il padre invece è sparito e non si sa né quando né se tornerà dalla propria famiglia. Quella notte il padre tornerà, ma nei giorni successivi impariamo ormai a convivere con la incertezza del protagonista che non sa mai se la sera troverà ancora la propria famiglia unita. Infatti, il padre soffre di depressione e ansia, non è in grado di affrontare il proprio lavoro di insegnante, e la madre, costretta ad un lavoro usurante e di ripiego per mantenere tutta la famiglia, non è più in grado di rinunciare ancora a lungo ai propri desideri di riprendere gli studi e specializzarsi. Il protagonista osserva con i suoi occhi da bambino il complesso mondo adulto che lo circonda, così incomprensibile a tratti, e così lontano dai suoi desideri e dalle sue necessità. Allo stesso tempo, a scuola e nel tempo libero deve confrontarsi con una compagnia di coetanei, e di ragazzi più grandi, violenta e spesso crudele. Nel quartiere dove vive i ragazzi sono lasciati a se stessi, le famiglie sono assenti e inadeguate, e inevitabilmente spesso intervengono i servizi sociali nel tentare di riportare un po’ di ordine, ma con il solo effetto di sequestrare i ragazzi e mutilare fragili equilibri familiari.

Un mix di fiaba per ragazzi e di romanzo sociale per adulti, questa storia rivela tutta la sua attualità soprattutto in questo periodo, dove il ruolo e la funzione della famiglia è messa in discussione da così tante voci. È un libro interessante per osservare la questione anche con gli occhi di coloro che sempre più spessa  si limitano a  tacere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Sbircia nell’archivio dal 2009 ad oggi

Cerca i post pubblicati per data

aprile: 2016
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Statistiche del Blog

  • 8,660 visite

Through the looking glass

"..and Alice began to remember that she was a Pawn, and that it would soon be time for her to move".

Seguimi su Twitter

Seguimi su Instagram

È #domenica. Tempo di buone #letture con #Matticchio #SignorAhi! "Perché quando finiscono i sogni, cominciano i guai". #Rizzoli #Lizard #matticchiate #libri #books #lettori #pagine 👁 #nofilter #domenicasera #sunset in #Rome  #nowhere is like #home #pace 🌆 Presto sul #blog Lo avete già letto? #Bitglobal #avvocati #economia #lettori #pagine #libri #books #instabooks #nuovo #post Quando #Yourcenar incontra #Piranesi e la #mostra a #Roma #PalazzoBraschi #arte #pagine #libri #lettori  #utopia #carceri d' #invenzione #incubi #nightmare Link in bio La #Roma che ossessiona #libri #books #pagine #nuoveletture #Piranesi raccontato da Marguerite #Yourcenar #Paginedarte #arte #obsession #carcere #Gipi La #terra dei figli. Un #libro bellissimo tra i più recenti graphic novel #pagine #lettori #books #instabooks
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: