Il paese dei gatti

Recensioni, segnalazioni, osservatorii, racconti, suggerimenti

#IncontraLoScrittore Il mio #SalTo16. Al Salone Internazionale del Libro Torino 2016

i trivate Lo scorso fine settimana si è svolta la XXIX edizione del Salone Internazionale del Libro a Torino, diretto da Ernesto Ferrero e organizzato dalla Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura, presieduta da Giovanna Milella, nella sede del centro congressi Lingotto Fiere. Ospite d’onore: la Regione Puglia. Un focus particolare è stato riservato alla cultura e letteratura medio orientale. Il calendario è stato ricchissimo, e come ogni anno, una splendida app consentiva di selezionare gli espositori e gli eventi favoriti e di ricevere una notifica all’inizio di ogni evento. Può sembrare superfluo, ma vi assicuro che ogni giornata è densa di appuntamenti letterari.

Per IusLaw web radio ho seguito principalmente quegli eventi dedicati alle riforme di legge, al diritto declinato nel mondo dell’editoria, alle numerose e importanti iniziative culturali promosse da avvocati e giuristi, alcuni dei quali hanno anche presentato i propri libri. Qui trovate la puntata. Tante le voci raccolte:

  • il prof. Guido Alpa, che ha presentato, con Alfredo Viterbo e Giuseppe Scala, una collana di pubblicazioni di scritti inediti di Piero Calamandrei. L’evento, Omaggio a Piero Calamandrei, organizzato dalla casa editrice milanese Henry Beyle, si è tenuto nella giornata di sabato 14 maggio. In particolare, al banchetto dedicato, durante la conferenza, era possibile ammirare e acquistare Il mio primo processo, Un incontro con Piero Della Francesca (nella collana Piccola biblioteca degli oggetti letterari), Gli avvocati, Vino colorato artificialmente con sostanza vietata dalla legge (per la collana Quaderni di cucina). Dico ammirare, perché le edizioni Henry Beyle sono deliziose e preziosissime. Ogni pubblicazione è limitata e le copie sono numerate: i libricini sono rilegati a mano con filo rosso, in carta  Zerkall-Bütten (e per la copertina, carta Mi-Teintes o Hahnemüle). Per chi non ne fosse già provvisto, con i libri viene anche offerto l’acquisto di un affilato tagliacarte in legno, o meglio, in due versioni, con legno diverso. Perché le pagine sono intonse, e il lettore deve procedere alla loro separazione durante la lettura. Qui si trovate una bella intervista a Vincenzo Campo, titolare della casa editrice.

IMG_8163

  • il prof. Carlo Ossola, studioso e critico letterario, che è intervenuto domenica 15 maggio alla presentazione della trilogia Giustizia e Letteratura, pubblicata da Vita e Pensiero, e curata da Gabrio Forti, Claudia Mazzucato e Arianna Visconti. I volumi traggono origine dai cicli seminariali di Giustizia e letteratura organizzati dal Centro Studi “Federico Stella” sulla Giustizia penale e la politica criminale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, diretto dal prof. Gabrio Forti. Le pagine di letteratura dei più bei romanzi sono rilette in modo originale con gli occhi del giurista, a dimostrazione che i classici non smettono mai di parlarci e raccontare anche la nostra epoca.
  • i saluti di Nerio Nesi, già Ministro dei Lavori Pubblici e già Presidente per oltre un decennio della Banca Nazionale del Lavoro, attualmente Presidente della Fondazione Camillo Cavour, volta alla conservazione e gestione del Castello Cavour di Santena, donato alla Città di Torino nel 1947. Il Presidente Nesi si trovava all’espositore di Nino Aragno Editore a margine dell’evento di presentazione del libro di Paolo Baffi Servitore dell’interesse pubblico. L’espositore è uno spazio elegantissimo che ha accolto anche la presentazione del libro di Nerio Nesi Al servizio del mio paese, una corposa raccolta di lettere, documenti, ricordi della carriera politica e lavorativa dell’Autore. La casa editrice torinese è stata anche vincitrice nel 2009 dell’undicesima edizione del premio Nazionale “Alassio 100 libri – Un Editore per l’Europa” per l’alta qualità delle pubblicazioni, le prestigiose collaborazioni, le scelte editoriali non convenzionali. Qui l’intervista di Repubblica edizione Torino a Nino Aragno.
  • gli auguri alla radio da parte del prof. Gustavo Zagrebelsky, già Presidente della
    IMG_8110

    prof. Gustavo Zagrebelsky

    Corte Costituzionale, che giovedì 12 maggio per l’evento Interpretare. Dialogo tra un musicista e un giurista, organizzato da Società Editrice Il Mulino, si è esibito al pianoforte in un simpatico duetto con il violoncellista Mario Brunello. La Sonata n. 3 dell’op. 69 di Beethoven è l’occasione per riflettere sul significato e sugli accenti di molte norme costituzionali, mettendo in luce i punti di contatto della interpretazione musicale e letteraria/giuridica. Perché il giurista è prima di tutto un lettore, anzi il lettore per eccellenza di quella sterminata letteratura che è il diritto.

  • e ancora, l’avv. Avio Giacovelli, Presidente del COA di Monza, con i Colleghi avv. Ermanno Baldassarre e avv. Luca Bosio, fondatori e promotori del concorso letterario Avvocati & Autori, quest’anno alla seconda edizione, bandito dall’ULOF – Unione Lombarda dei Consigli dell’Ordine degli Avvocati, e presentato sabato 14 maggio; in particolare, Luca Bosio ha anche presentato il suo libro La stanza dei dottori, edito da Ananke lab, che inoltre pubblicherà l’opera del vincitore del concorso letterario.

IMG_8211

  • la dott. Melita Cavallo, Presidente del Tribunale per i Minorenni di Roma, già IMG_8316Presidente CAI, che domenica 15 maggio ha presentato con Annamaria Colella, Direttore dell’Agenzia Regionale Piemonte per le Adozioni Internazionali, il suo volume Si fa presto a dire famiglia, all’evento Famiglia 3.0, organizzato da Editori Laterza. Il libro raccoglie delle storie di quotidiana cronaca giudiziaria, costruite dall’Autrice sulla scorta dei processi seguiti nell’ambito della sua funzione giurisdizionale.
  • il dott. Gianluca Fantinuoli, vicepresidente di Federazione Italiana Liberi Editori, che IMG_8118venerdì 13 maggio è intervenuto all’evento Una legge per chi legge. Verso la riforma della editoria, organizzato da Alleanza delle cooperative comunicazione, FIPEG, FILE, Mediacoop, dove si è commentato il disegno di legge attualmente all’esame del Senato, che prevede il finanziamento degli editori con un nuovo Fondo per il pluralismo e l’innovazione dell’informazione, istituito presso il Ministero dell’Economia, in sostituzione di quello precedente già istituito presso il Ministero per lo Sviluppo Economico, la revisione del sistema previdenziale degli operatori dell’editoria, con il divieto, peraltro, di mantenere un rapporto di lavoro con il giornalista beneficiario del trattamento pensionistico, e la ridefinizione dei requisiti per l’accesso ai sistemi di prepensionamento dei giornalisti.
  • il dott. Alessandro Carta, Presidente di ANARPE –  Associazione Nazionale Agenti Rappresentanti e Promotori Editoriali, che venerdì 13 maggio ha organizzato l’evento Anarpe: le nuove polizze di tutela legale e di previdenza complementare per gli associati; in collaborazione Cattolica Assicurazioni, sono state delineate le principali caratteristiche delle polizze offerte agli editori associati.
  • la dott. Elena Miglia – dirigente della Città di Torino, che giovedì 12 maggio ha
    Elena Miglia

    Elena Miglia – Città di Torino

    organizzato l’evento La sfida dello Smart Working nella pubblica amministrazione (cui è stata dedicata anche la puntata di IusLaw web radio di giovedì 19 maggio), con l’illustrazione anche del progetto Lavoro Agile.

  • lo scrittore Francesco Carofiglio, che sabato 14 maggio ha presentato con Elena Masuelli Una specie di felicità, Edizioni Piemme; Francesco, che si è ritrovato suo malgrado protagonista di un malinteso per mia colpissima colpa, è stato simpaticissimo. Non vedo l’ora di parlarvi del suo nuovo libro.

IMG_8208

  • il prof. Leonardo Becchetti, che ha scritto per Minimum Fax Capire l’economia in sette passi. Persone, mercati e benessere, presentato IMG_8127venerdì 13 maggio con Marco Tarquinio, direttore di Avvenire.
  • il prof. Alberto Melloni, ordinario di storia del cristianesimo nell’Università di Modena-Reggio Emilia, titolare della cattedra Unesco sul pluralismo religioso e la pace dell’Università di Bologna, dirige la Fondazione per le scienze religiose Giovanni XXIII di Bologna, che domenica 15 maggio è intervenuto alla presentazione della prima traduzione italiana del Talmud Babilonese (primo volume, numerato 5, edito Giuntina Editore). Con Clelia Piperno, direttore del Progetto Traduzione Talmud Babilonese, David Gianfranco Di Segni, coordinatore della traduzione, e Armando Massarenti, filosofo ed epistemologo, responsabile della pagina Scienza e filosofia della Domenica del Sole24Ore, ha IMG_8322illustrato la storia del libro e la imponente impresa di traduzione. Partita con 12 traduttori, alla chiusura dei lavori nei contava 84. Si tratta peraltro di un progetto interamente organizzato sul web, senza un ufficio fisico, a parte la sede legale. Come ben è stato messo in rilievo, la pubblicazione assume un significato molto più grande di quello, già fondamentale, del contenuto scientifico, storico e religioso del libro. Si tratta di un vero e proprio progetto culturale identitario, che ambisce a porre rimedio al vulnus culturale provocato in Italia dalle leggi del ’38, che impedivano, tra le altre cose, lo studio delle scienze ebraiche, con la conseguenza che le generazioni successive ha sofferto la povertà culturale e scientifica per l’assenza di studi e formazione in materia. Oggi studiare le scienze religiose, inclusa l’ebraistica, non è più vietato, ma come osserva il prof. Melloni, non mancano inspiegabili iniquità nella legislazione attuale che disciplina l’accesso all’insegnamento. Si tratta del DPR IMG_8232n. 19/2016, pubblicato lo scorso 14 febbraio, che esclude la laurea in scienza delle religioni dall’accesso a ben 24 su 26 classi di concorso.
  • l’avv. Cesare Paradiso, che sabato 14 maggio presso lo stand della Regione Puglia ha presentato il suo libro Lo studio dell’avvocato, una serie di racconti editi da Manni;
  • l’avv. Felice Foresta, che sempre sabato 14 maggio presso lo stand della Regione Calabria ha presentato il suo Il faggio che sposò la luna, edito da Tra le righe Libri. Felice è molto attivo anche sul piano sociale. Lo scorso autunno ha anche partecipato all’evento Scrittori calabresi per la Lanterna, organizzato dall’agriturismo bio ecologico di Monasterace ‘A Lanterna, che con l’annessa Locanda Cocintum, purtroppo è stato oggetto di numerosi e vergognosi attacchi da parte della ‘ndrangheta. All’evento, i cui racconti saranno presto pubblicati in preziosi volumetti rilegati a mano, hanno partecipato anche Gioacchino Criaco, autore di Anime nere (romanzo del 2008 da cui nel 2014 è stato tratto anche quel film capolavoro omonimo di Francesco Munzi),  Mimmo Gangemi, che al Salone ha presentato Un acre odore di aglio, Paola Bottero, presente al Salone, scrittrice, fondatrice di Sabbia Rossa Edizioni, Peppe Voltarelli, cantautore che ha appena pubblicato Voltarelli canta Profazio per Squilibri Editore (protagonista di una piccola intervista-concerto l’altra sera nel pub della libreria Altroquando a Roma). Io spero di poter parlare presto di questa pubblicazione e intanto posso solo anticipare che Felice presenterà il suo libro anche alla Locanda Cocintum.

I contributi sono tanti, ricchissimi e importanti; potete ascoltarli nella puntata speciale SalTo16 di domenica 22 maggio alle 18,00 su IusLaw web radio.

Ma le mie peregrinazioni tra le sale degli eventi e gli espositori non finiscono qui. Giovedì 12 maggio ho potuto ascoltare Claudio Magris presentare il suo ultimo, bellissimo, Non luogo a procedere, per Garzanti. Ermanno Paccagnini gli ha chiesto: “Ma tu… ti sei reso conto di che libro hai scritto??”. E il professore, con la sua consueta schiva modestia, ha continuato a parlarne come se fosse un libro normale. Ha detto: “Ogni libro la sa più lunga di chi lo scrive“. E ha ricordato che “la letteratura è anche ritrovare i volti scomparsi”.

IMG_8102

Domenica 15 maggio è stato presentato il nuovo Meridiano Mondadori dedicato a Gianni Celati. L’evento era tenuto da Renata Colorni, che ha ricordato il patrimonio letterario dell’archivio di Reggio Emilia, contenente moltissime pagine di diario di Celati. Tutte da interpretare. Per esempio, l’ultima pagina di un diario terminava con un laconico: “Voler essere magro”. Si riferiva, pare, al desiderio di una scrittura “leggera”, secondo le indicazioni dell’amico fraterno Italo Calvino. Pare che Celati lavorasse molto sui testi dei suoi diari, tanto rimaneggiati da svilirne completamente la cronologia, che di solito in un diario è l’elemento portante. Sono intervenuti all’evento anche Marco Belpoliti, Nunzia Palmieri e Emanuele Trevi, che ha ricodato: “che cosa è l’arte? è ciò che il mondo non si aspetta, ciò che non ti chiede“.

IMG_8318

Sabato 14 maggio era presente anche il premio nobel Shirin Ebadi, prima donna avvocato e giudice in Iran, attualmente in esilio volontario. Ha parlato del suo nuovo libro, Finché non saremo libero, per Bompiani, e di molte altre questioni, non solo politiche. Sul velo, ha lanciato un appello alle donne: “non fatevi mai costringere a indossarlo”, ha detto; “dovete essere libere di scegliere come vestirvi, esattamente come gli uomini. E quando viaggiate in Iran”, ha aggiunto, “ricordate che siete voi le ospiti, quindi, a rigore, l’Iran dovrebbe venire incontro alla vostra cultura e permettervi di non indossare nulla sul capo”. Anche sulla questione migranti, è implacabile. “Quando vedete le ondate di persone arrivare dalle coste dell’Africa e morire sulle vostre, dice, voi occidentali pensate che non è una cosa che vi riguarda; ma credete di esservi comportati bene? Quando Gheddafi era al governo, vi piaceva molto e lo avete sostenuto politicamente ed economicamente. Con voi sorrideva, ma al suo popolo mostrava il coltello”.

IMG_8219

Naturalmente, non ho saputo, né voluto, star lontana dal banco de L’Indice dei Libri del Mese, il quale anche organizza, in collaborazione con l’Unione Culturale Franco Antonicelli, la mostra Di punto in bianco, con l’esposizione a Torino di tavole, disegni e strisce di Franco Matticchio (alcune sue litografie erano anche in vendita al Salone).

IMG_8104

Ho poi scoperto altri editori, con cataloghi straordinari:

  • la storica fiorentina Franco Cesati Editore, da cui ho scovato un delizioso libriccino Gli smarrimenti di Caino, di Coleridge, pubblicato nel 1985, per la collana Biblioteca dell’Ololampo. Collezione di poesia;
  • Edizioni Pagine d’Arte, una casa editrice del Canton Ticino, il cui catalogo accoglie titoli di grandi scrittori che parlano di grandi artisti. Io ho scelto La mente nera di Piranesi, di Marguerite Yourcenar;
  • lo storico torinese Fogola Editore, che pubblica volumoni preziosissimi e illustrati, e volumini con titoli importanti quanto introvabili altrove. Io inizio con Galateo di Giovanni Della Casa, per la collana La Torre d’avorio. In vendita erano anche le incisioni all’acquaforte delle illustrazioni dei volumi più preziosi, di artisti come Teresita Terreno (per il Milione di Marco Polo) e Fernando Eandi (Les fleurs du mal, di Charles Baudelaire).

IMG_8137

Una passeggiata anche tra I Quaderni del carcere di Antonio Gramsci, 33 quaderni originali dal 1929 al 1935. Integralmente consultabili anche in formato digitale. La mostra è stata organizzata dalla Fondazione Istituto Gramsci. Tra le pagine esposte, anche la traduzione del libro di favole dei fratelli Grimm.

IMG_8145

Annunci

2 commenti su “#IncontraLoScrittore Il mio #SalTo16. Al Salone Internazionale del Libro Torino 2016

  1. Pingback: #GiudicatiDallaCopertina Novità in libreria APRILE2016 | Il paese dei gatti

  2. Pingback: Speciale SalTo16 - Iuslaw Web Radio al Salone Internazionale del Libro di Torino - Editoria.tv

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22 maggio 2016 da in Cinema, Citazioni (quotes), Eventi e Festival, Gli scaffali delle case editrici minori, i calabresi, i friulani, i liguri, i lombardi, i piemontesi, i romagnoli, i toscani, Il giurista dentro il libro, Letteratura di viaggio, Letteratura innamorata, Libri, Novità letterarie e su pellicola, Romanzi, Scrittori e artisti italiani con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , .

Sbircia nell’archivio dal 2009 ad oggi

Cerca i post pubblicati per data

maggio: 2016
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Statistiche del Blog

  • 8,117 visite

Through the looking glass

"..and Alice began to remember that she was a Pawn, and that it would soon be time for her to move".

Seguimi su Twitter

Seguimi su Instagram

#Dedicato a tutti i condòmini e agli azionisti societari... #buonanotte da #TorPignatta autonoma e ribelle #poledance #polesport #Rome #workout 💪🏻💪🏻💪🏻💪🏻💪🏻🤸‍♂️🤸‍♀️ #madeinitaly #Rome #ladolcevita #summer #relax #instacat #gatti #summer #lungotevere #opera #lirica #Roma #summer17 Urban #sunset #Roma #summer
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: