Il paese dei gatti

Recensioni, segnalazioni, osservatorii, racconti, suggerimenti

I sentimenti sono importanti quanto il diritto costituzionale

#DiarioDiBordo giorno 2 L’uomo senza qualità, di Robert Musil

Ulrich, l’uomo senza qualità torna in patria. Compra una casa e la ristruttura. Ora deve “solo” decidere che cosa fare nella vita.

Si è già accennato che era un matematico, e non occorre dirne di più perché in ogni professione esercitata non per lucro ma per amore giunge il momento in cui la curva ascendente degli anni sembra condurre al nulla. Questo momento durava da un poco quando Ulrich si ricordò che al paese natio viene attribuito il misterioso potere di far prendere radici al pensiero e di armonizzarlo con l’ambiente; vi si stabilì dunque provando le stesse impressioni d’un viandante che si segga su una panca per l’eternità pur presentendo che si rialzerà quasi subito.

Le riflessioni di Ulrich in merito sono l’occasione per guardare alla situazione politica del paese da un’ottica “diversa”, che mette in luce certe apparenti contraddizioni di un regno perduto, ma che richiamano con precisione certe dinamiche dei governi attuali:

fotografia di Francesco Giuseppe I d’Austria (dal web)

 [..] E il paese era amministrato [..] dalla migliore burocrazia d’Europa, alla quale si poteva rimproverare un solo difetto: per essa genio e spirito d’iniziativa nelle persone non autorizzate a ciò da alti natali o da incarico governativo erano impertinenza e presunzione. A nessuno del resto piace farsi dettar legge da chi non vi è autorizzato! E poi in Cacania un genio era sempre scambiato per un babbeo, mai però, come succedeva altrove, un babbeo per un genio.

In verità, quante cose curiose ci sarebbero da dire sul tramontato impero di Cacania! Per esempio, esso era imperial-regio, ed era imperiale e regio; uno dei due segni “i. r.” oppure “i. e r.” era impresso su ogni cosa e su ogni persona, tuttavia occorreva una scienza segreta e occulta per poter distinguere con sicurezza quali istituzioni e individui fossero da considerarsi imperial-regi e quali imperiali e regi. Per iscritto si chiamava Monarchia Austro-Ungarica, ma a voce si chiamava Austria, termine a cui il paese aveva abdicato con solenne giuramento statale ma che conservava in tutte le questioni sentimentali, a prova che i sentimenti sono importanti quanto il diritto costituzionale e che i decreti non sono la cosa più seria del mondo. Secondo la costituzione era uno stato liberale, ma aveva un governo clericale. Il governo era clericale, ma lo spirito liberale regnava nel paese. Davanti alla legge tutti i cittadini erano uguali, non tutti però erano cittadini. C’era un Parlamento, il quale faceva un uso così eccessivo della propria libertà che lo si teneva quasi sempre chiuso; ma c’era anche un paragrafo per gli stati di emergenza che serviva a far senza del Parlamento, e ogni volta che tutti si rallegravano per il ritorno dell’assolutismo la corona ordinava che si ricominciasse a governare democraticamente.

--

stemma dell’impero austro-ungarico

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Sbircia nell’archivio dal 2009 ad oggi

Cerca i post pubblicati per data

agosto: 2016
L M M G V S D
« Lug   Set »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Statistiche del Blog

  • 8,681 visite

Through the looking glass

"..and Alice began to remember that she was a Pawn, and that it would soon be time for her to move".

Seguimi su Twitter

Seguimi su Instagram

Certe notti #nofilter #Roma #nights #autumn Dolce #autunno 🍂🍁🍂🍁#food #instafood #goodfood È #domenica. Tempo di buone #letture con #Matticchio #SignorAhi! "Perché quando finiscono i sogni, cominciano i guai". #Rizzoli #Lizard #matticchiate #libri #books #lettori #pagine 👁 #nofilter #domenicasera #sunset in #Rome  #nowhere is like #home #pace 🌆 Presto sul #blog Lo avete già letto? #Bitglobal #avvocati #economia #lettori #pagine #libri #books #instabooks #nuovo #post Quando #Yourcenar incontra #Piranesi e la #mostra a #Roma #PalazzoBraschi #arte #pagine #libri #lettori  #utopia #carceri d' #invenzione #incubi #nightmare Link in bio
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: